Mese: Novembre 2013

  • Champagne Encry, la maison “italiana” che confina con il giardino dell’Eden

    “Perché, pensando, consumai la ’mpresa che fu nel cominciar cotanto tosta” non è soltanto un passo dell’Inferno dantesco ma credo possa essere anche il motto di Enrico Baldin e Nadia Nicoli, viste le mille peripezie che hanno dovuto affrontare per conquistare la Champagna. Già, è stata davvero tosta farsi accettare dai francesi. Che i cugini […]

  • La libertà non ha pizzo: a Firenze “Le cene della legalità”

    L’amica giornalista Cristina Vannuzzi Landini racconta la prima serata del progetto “Le cene della legalità” tenutasi a Firenze lo scorso mese di ottobre. Per la prima volta, lo scorso ottobre, Firenze ha ospitato,  Filippo Cogliandro, chef calabrese del ristorante l’Accademia (Motta San Giovanni, RC) che nel 2008 si ribellò al pizzo e denunciò i suoi […]

  • Merano WineFestival 2013 e dintorni

    In realtà soprattutto dintorni perché al kurhaus ci sono stato davvero pochissimo. Andare a Merano per solo due giorni su quattro è un po’ come per un bambino andare a Disneyland solo per qualche ora, si rischia  di uscirne con il broncio. È indubbio che Merano sia una sorta di Mecca del vino mondiale, quindi […]

  • Schioppettino di Prepotto prove di futuro

    Lo scambio di battute di qualche giorno fa con Walter Filiputti, su “La stanza del vino”, mi ha permesso di capire fino in fondo il suo pensiero in merito al futuro dello Schioppettino di Prepotto. Le ipotesi prospettate da Filiputti, che condivido in toto, credo possano stimolare un’ulteriore riflessione con i produttori, approfondendo il dibattito […]

  • Discutendo intorno al Trento Doc

    Riprendo su “La stanza del vino”, con l’intento di dargli una visibilità maggiore, una intelligente discussione nata su Facebook e relativa alla posizione assunta della guida Slow Wine 2014  in merito allo “stato di salute” del Trento Doc.  Questo il commento che avevo postato a cui seguono le risposte, tra cui quella di Fabio Giavedoni, […]

  • Borgo San Daniele classe anglosassone, anzi no friulana

    A volte una programmazione incauta, tipo concentrare la visita di tre cantine in una sola giornata, rischia di farti fare delle figure barbine che non ti perdonerai per i prossimi anni a venire. Così con gli altri sodali di una due giorni “friulgiulianoslovena”, siamo arrivati a Borgo San Daniele con un ritardo (quantificato in ore) […]

Create a website or blog at WordPress.com